Archive for the ‘Uncategorized’ Category

h1

Lieto fine

11 maggio 2010

A casa dei miei c’è un PC, un vecchio AMD K6-2 600Mhz, con installati Windows XP e Ubuntu 10.04

Il primo impiega non meno di dieci minuti ad avviarsi seriamente, ed anche una volta avviato risulta troppo lento per essere davvero usabile, il secondo in meno di 5 minuti è up and running.

Ad ogni modo ieri mi sono trovato a compiere l’impresa di installare una multifunzione HP (la deskjet F2400) sul PC, e quindi su entrambi i sistemi operativi. Per esperienza personale immaginavo che in ogni caso l’installazione sarebbe stata più semplice su win: inserisci il cd, premi avanti/avanti/avanti(ad libitum) et voilà. Su Linux invece ero pronto a dover installare qualche driver, magari penare un pochino con lo scanner, insomma pensavo che avrei perso un po’ di tempo. Ne sarebbe comunque valsa la pena, per poter usare la stampante con software libero, ma mi aspettavo qualche sacrificio.

Parto da Windows: inserisco il CD, aspetto l’autorun e parto con la sequenza avanti/avanti/avanti. Giunto al punto in cui mi chiede in che drive installare il software, dato che il mio disco fisso (per imperscrutabile decisione di WinXP) è il drive J, mi propone il percorso J:\Programmi\HP. Accetto e clicco per l’ennesima volta su "avanti". La sorpresa mi coglie quando, a metà circa dell’installazione, un Fatal Error viene visualizzato a tutto schermo: di cosa si tratta? Semplicemente il percorso "c:\Programmi\HP" non è stato trovato. L’intera installazione del driver si basa sull’assunto che il drive principale sia C e, da qualche parte nel codice, non controlla dove si è deciso di installare il software ma va direttamente a puntare in C:\Programmi. Fatal error, installazione cancellata (dopo 5 minuti di rollback) e nessun modo, dico nessuno, per ovviare alla situazione. Cambiare la lettera del drive principale infatti è un’operazione di per se’ impossibile in Windows, se non usando tool un po’ esoterici (ricordo che Partition Magic aveva questa feature, a suo tempo).

Un po’ spaventato riavvio sotto Ubuntu, senza spegnere la multifunzione. Effettuo il login col mio utente e mi dirigo verso Sistema/Amministrazione/Stampanti per vedere di aggiungerla ai devices, ma con mia grande sorpresa noto che la stampante già c’è.

Apro OpenOffice.org, scrivo due righe e mando in stampa. E la stampa esce.
Meccanicamente carico il programma di scansione di Gnome, metto un foglio sullo scanner e clicco su "acquisisci". Lo scanner funziona.

Nessun bisogno di driver, di installazioni, di intervento alcuno da parte dell’utente. Un capolavoro.

E poi c’è ancora chi dice che Linux è troppo difficile per l’utente finale…

h1

Bella scoperta

17 marzo 2010

Poco dopo aver iniziato a programmare ci siamo accorti di come non fosse affatto facile far fare ai programmi quello che volevamo. Avevamo scoperto il Debugging. Posso ricordare il preciso momento in cui ho realizzato che avrei passato buona parte della mia vita a scoprire e correggere gli errori nei miei stessi programmi.

Maurice Wilkes scopre il debugging, 1949

h1

Good quote

8 marzo 2010

"Programs must be written for people to read, and only incidentally for machines to execute."
Harold Abelson (Structure and Interpretation of Computer Programs, Second Edition)

h1

Verbose on/off

3 marzo 2010

…confused

h1

Chrome Dreams

3 settembre 2008

Mi credo se qualcuno abbia davvero creduto che il fumetto che parla di Chrome, il nuovo browser di Google, sia stato davvero rilasciato per errore giusto due giorni prima della conferenza stampa ufficiale…

Screenshot

Screenshot

Ad ogni modo, l’idea del Google-Browser sembra ghiotta: insieme a Firefox, (o a discapito dello stesso?) potrebbe mangiare quote di mercato notevoli a IE.

Aspettiamo e vedremo!

h1

Finally

8 luglio 2008

Niente rullo di tamburi, niente squilli di trombe, anche perché il lavoro è tutt’altro che completo.

Ad ogni modo, la bomba è sganciata, il fagiolo è sgusciato, il germoglio è germogliato, il totano è riemerso, il sipario si è aperto, le mutandine sono calate… insomma, vedetela come vi pare, ma il sito è online.

Fra l’altro, da quando è su (cioè da venerdì) non ho avuto più nessuna notizia dei committenti… spero  sia perché sono ancora immersi nei festeggiamenti! :P

h1

PythonBoots loves Matthew James Taylor

17 giugno 2008

Un enorme grazie va a Ciro, che mentre vagavo nella selva oscura mi ha segnalato codesto post. Una raccolta di semplici, liberi, funzionanti layout liquidi fatti con puro XHTML e CSS 2.0.

Mai dimenticarlo: qualsiasi cosa tu stia tentando di fare in ambito informatico, c’è già qualcuno che ha provato a farla prima di te. Molto probabilmente l’ha anche già fatta meglio. Basta trovarlo.